Un servizio professionale e competente nella gestione delle risorse umane

Legge n.80/1970: termini meno rigidi per la difesa del lavoratore

La Legge n. 300/1970, per decenni ha imposto tempistiche tassative e rigide in materia di provvedimenti disciplinari e termini di difesa. Infatti, i provvedimenti disciplinari più gravi del rimprovero verbale secondo la Legge n. 300/1970 non possono essere applicati prima dei 5 giorni dalla contestazione del fatto al lavoratore colpevole dell’infrazione. Al lavoratore è riconosciuto il diritto, sempre secondo tale legge, di poter impugnare l’atto e difendersi, rendendo nota tale intenzione al datore entro 5 giorni dal recepimento della comunicazione.
La Cassazione in data 17.12.2018, ha modificato la legge n. 300/1970, muovendosi a favore del lavoratore. È ora riconosciuto al dipendente il solo onere di presentare le giustificazioni al provvedimento entro 5 giorni dalla contestazione e non è più responsabile dell’avvenuta consegna entro i 5 giorni. La successiva ricezione della comunicazione da parte del datore può avvenire oltre i 5 giorni perché può dipendere da modalità di consegna che il lavoratore non governa come ad esempio il servizio postale.
Tale sentenza, quindi, obbliga il datore di lavoro a considerare e reputare valide le giustificazione arrivate oltre ai tassativi 5 giorni dalla contestazione (ma inviate nei termini).
Le novità apportate da tale sentenza non sono di poco conto, i datori di lavoro devono ora porre molta attenzione ad irrogare le sanzioni, il termine dei 5 giorni non è più tassativo come lo era prima.
Il lavoratore una volta ricevuta la contestazione può valutare se difendersi per iscritto oppure oralmente (in questo caso può avvalersi del supporto di un rappresentante dell’associazione sindacale), vi è anche la possibilità di combinare le due opzioni (giustificazioni scritte e difesa orale) purché la richiesta avvenga entro i 5 giorni previsti dall’articolo 7 della Legge n.300/1970.
La Cassazione ha apportato modifiche riguardanti anche tali aspetti infatti l’audizione orale richiesta nelle giustificazioni inviate nei tempi previsti dalla legge risulta tempestiva e il datore deve dar la possibilità al lavoratore di difendersi sia oralmente che per via scritta anche se le giustificazioni scritte dovessero risultare esaustive.

 

SEDE LEGALE E OPERATIVA - ANCONA

Via Zara, 21 – 60123 Ancona
Tel. 071.3580493
Fax 071.3580688

SEDE OPERATIVA - MONTEMARCIANO

Viale dei Platani, 3 – 60018 Montemarciano (An)
Tel. 071.9190047
Fax 071.9093481

Iscriviti alla newsletter

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.