Un servizio professionale e competente nella gestione delle risorse umane

LEGGE DI BILANCIO E INCREMENTI DELLE SANZIONI PER LE VIOLAZIONI LEGATE AI RAPPORTI DI LAVORO

La legge di bilancio 2019 (l.145/2018) ha previsto, all’art.1.445, lett. d) e f), un incremento degli importi sanzionatori delle principali violazioni, penali e amministrative, legate ai rapporti di lavoro. A commento è intervenuta la circolare dell’INL 2/2019.

1.Le previsioni della legge di bilancio.

In particolare è previsto un incremento del 20%:

  • Della maxi-sanzione per lavoro nero;
  • Delle sanzioni connesse a condotte interpositorie di manodopera illecite: somministrazione e utilizzo abusivo di manodopera, appalto e distacco non genuino;
  • Delle sanzioni in caso di distacco internazionale;
  • Delle sanzioni connesse ai limiti sull’orario di lavoro.

È inoltre previsto un incremento del 10% degli importi dovuti per il non rispetto degli obblighi connessi alla salute e sicurezza sul lavoro (d.lgs.81/2008).

Inoltre tali maggiorazioni sono raddoppiate se, nei tre anni precedenti, il datore di lavoro è stato destinatario di sanzioni amministrative o penali per i medesimi illeciti.

Tali incrementi decorrono dal 01/01/2019, e dunque soltanto per le infrazioni compiute dopo il 31/12/2018. Tuttavia la circolare INL 2/2019 segnala che la collocazione temporale delle condotte a carattere permanente iniziate nel 2018, ma terminate nel 2019, deve essere individuata al momento in cui cessa la condotta, e pertanto con le maggiorazioni in vigore.

2.Variazione delle principali sanzioni amministrative: maxisanzione per lavoro nero, condotte interpositorie illecite, violazione del d.lgs.66/2003 sull’orario di lavoro.

Di seguito, per una più agevole consultazione, si riportano per le fattispecie elencate le variazioni nelle sanzioni. Le tabelle sono tratte da un contributo di Rossella Schiavone su Quotidiano Ipsoa del 25 gennaio 2019.

 

Violazione

Sanzione amministrativa fino al 31.12.2018

Sanzione amministrativa dall’1.1.2019

Maxisanzione per lavoro nero

Da euro 1.500 a euro 9.000 per ciascun lavoratore irregolare; da euro 3.000 a euro 18.000 per ciascun lavoratore irregolare se le giornate di lavoro nero sono tra 31 e 60; Da euro 6.000 a euro 36.000 per ciascun lavoratore irregolare se le giornate sono oltre 60.

Da euro 1.800 a euro 10.800 per ciascun lavoratore irregolare; da euro 3.600 a euro 21.600 per ciascun lavoratore irregolare se le giornate di lavoro nero sono tra 31 e 60; Da euro 7.200 a euro 43.200 per ciascun lavoratore irregolare se le giornate sono oltre 60.

Somministrazione abusiva, utilizzazione abusiva, appalto e distacco non genuino

50 euro per ogni lavoratore occupato e per ogni giornata di lavoro, entro una cornice edittale tra i 5.000 e i 50.000 euro

euro 60 per ogni lavoratore occupato e per ogni giornata di lavoro, entro una cornice edittale tra i 6.000 e i 60.000 euro.

 

 

Violazioni del d.lgs.66/2003

Sanzione amministrativa fino al 31.12.2018

Sanzione amministrativa dall’1.1.2019

Per aver fatto superare la durata media dell'orario di lavoro, per ogni periodo di sette giorni, pari a quarantotto ore, comprese le ore di lavoro straordinario

Sanzione amministrativa pecuniaria da 200 a 1500 euro

Se la violazione si riferisce a più di cinque lavoratori ovvero si è verificata in almeno tre periodi di riferimento, la sanzione amministrativa è da 800 a 3.000 euro

Se la violazione si riferisce a più di dieci lavoratori ovvero si è verificata in almeno cinque periodi di riferimento, la sanzione amministrativa è da 2.000 a 10.000 euro e non è ammesso il pagamento della sanzione in misura ridotta

Sanzione amministrativa pecuniaria da 240 a 1800 euro

Se la violazione si riferisce a più di cinque lavoratori ovvero si è verificata in almeno tre periodi di riferimento, la sanzione amministrativa è da 960 a 3.600 euro

Se la violazione si riferisce a più di dieci lavoratori ovvero si è verificata in almeno cinque periodi di riferimento, la sanzione amministrativa è da 2.400 a 12.000 euro e non è ammesso il pagamento della sanzione in misura ridotta

Per non aver concesso al lavoratore ogni sette giorni, un periodo di riposo di almeno ventiquattro ore consecutive, di regola in coincidenza con la domenica, da cumulare con le ore di riposo giornaliero. l suddetto periodo di riposo consecutivo è' calcolato come media in un periodo non superiore a quattordici giorni.

Sanzione amministrativa pecuniaria da 200 a 1500 euro

Se la violazione si riferisce a più di cinque lavoratori ovvero si è verificata in almeno tre periodi di riferimento, la sanzione amministrativa è da 800 a 3.000 euro

Se la violazione si riferisce a più di dieci lavoratori ovvero si è verificata in almeno cinque periodi di riferimento, la sanzione amministrativa è da 2.000 a 10.000 euro e non è ammesso il pagamento della sanzione in misura ridotta

Sanzione amministrativa pecuniaria da 240 a 1800 euro

Se la violazione si riferisce a più di cinque lavoratori ovvero si è verificata in almeno tre periodi di riferimento, la sanzione amministrativa è da 960 a 3.600 euro

Se la violazione si riferisce a più di dieci lavoratori ovvero si è verificata in almeno cinque periodi di riferimento, la sanzione amministrativa è da 2.400 a 12.000 euro e non è ammesso il pagamento della sanzione in misura ridotta

Per aver fatto fruire al lavoratore di un periodo annuale di ferie retribuite inferiore a quattro settimane. Tale periodo, salvo quanto previsto dalla contrattazione collettiva o dalla specifica disciplina, va goduto per almeno due settimane, consecutive in caso di richiesta del lavoratore, nel corso dell'anno di maturazione e, per le restanti due settimane, nei 18 mesi successivi al termine dell'anno di maturazione.

Sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 600 euro

Se la violazione si riferisce a più di cinque lavoratori ovvero si è verificata in almeno due anni, la sanzione amministrativa è da 400 a 1.500 euro

Se la violazione si riferisce a più di dieci lavoratori ovvero si è' verificata in almeno quattro anni, la sanzione amministrativa è' da 800 a 4.500 euro e non è ammesso il pagamento della sanzione in misura ridotta

Sanzione amministrativa pecuniaria da 120 a 720 euro

Se la violazione si riferisce a più di cinque lavoratori ovvero si è verificata in almeno due anni, la sanzione amministrativa è da 480 a 1.800 euro

Se la violazione si riferisce a più di dieci lavoratori ovvero si è' verificata in almeno quattro anni, la sanzione amministrativa è' da 960 a 5.400 euro e non è ammesso il pagamento della sanzione in misura ridotta

Per non aver concesso al lavoratore, ferma restando la durata normale dell'orario settimanale, undici ore di riposo consecutivo ogni ventiquattro ore

Sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 300 euro

Se la violazione si riferisce a più di cinque lavoratori ovvero si è verificata in almeno tre periodi di ventiquattro ore, la sanzione amministrativa è da 600 a 2.000 euro

Se la violazione si riferisce a più di dieci lavoratori ovvero si è' verificata in almeno cinque periodi di ventiquattro ore, la sanzione amministrativa è da 1800 a 3.000 euro e non è ammesso il pagamento della sanzione in misura ridotta.

Sanzione amministrativa pecuniaria da 120 a 360 euro

Se la violazione si riferisce a più di cinque lavoratori ovvero si è verificata in almeno tre periodi di ventiquattro ore, la sanzione amministrativa è da 720 a 2.400 euro

Se la violazione si riferisce a più di dieci lavoratori ovvero si è' verificata in almeno cinque periodi di ventiquattro ore, la sanzione amministrativa è da 2.160 a 3.600 euro e non è ammesso il pagamento della sanzione in misura ridotta.

SEDE LEGALE E OPERATIVA - ANCONA

Via Zara, 21 – 60123 Ancona
Tel. 071.3580493
Fax 071.3580688

SEDE OPERATIVA - MONTEMARCIANO

Viale dei Platani, 3 – 60018 Montemarciano (An)
Tel. 071.9190047
Fax 071.9093481

Iscriviti alla newsletter

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.